La Chiesa di San Sisinio

L'Organo del Reina

Strumento raro e prezioso collocato nella Chiesa nel 1768, è opera di Antonio Reina di Como. Nel 1822 fu rimodernato dall’organaro Biroldi di Varese, nel 1919 un fulmine si abbattè sul prezioso organo rovinando parecchie canne. Durante il priorato di Don Carlo Grassi all’organo venne applicato il mantice manuale e fu messa a nuovo la pedaliera.

 Nel 1974 e nel 1998 fu oggetto di oculato restauro da parte del Mo. Livio Vanoni  che usò soltanto i pezzi originali, ad eccezione del vecchio mantice che è stato sostituito con uno elettrico.

Chiesa di San Sisinio, l'organo del Reina

Come è abituale negli strumenti di costruzione italiana, la tastiera e la pedaliera sono ridotte ed hanno la prima ottava corta: incompleta, perché anticamente non si suonava in tutte le tonalità e si volevano evitare le canne alte, costose ed ingombranti.

Sulle qualità musicali di questo prezioso strumento antico, il musicologo friburghese Leo Katriner così si è espresso su “Elenco degli Organi antichi del Cantone Ticino”:

Notevole è la trasparenza del suono rispetto agli organi più grandi. La chiarezza di dizione è eccezionale. Se in un grande organo risulta difficile la comprensione della singola nota, in questi strumenti ridotti vi è il pregio che all’ascoltatore non sfugge alcun particolare in quanto, magnificamente, si prestano ai passaggirapidi, agli abbellimenti, ai trilli, ecc.  

Caratteristiche

(Disposizione fonica dell'Organo Reina)

Principale     Basso       8'

                      Soprano   8'

Ottava          (S. B.)       4'

XV                                  2'

XIX                                1 1/3'

XXII                               1'

XXVI e IX                      2/3' e 1/2'

Flauto traverso       (S)           8'

Viola                         Bassi      4'

Flauto in ottava                      4 (intiera)

Cornetta                   Soprani  tre file (2 2/3, 2, 1 3/5)

Voce unana             (S)           8'

Contrabbassi                          16'

 

Ottava bassa del Manuale e del Pedale scavezza

Manuale fino al fa sopra il rigo

Pedale fino al sol diesis

 

 

Per l'organo del Reina della Chiesa di San Sisinio alla Torre il

Mo Claudio Cavadini, Mendrisio

ha composto il 18 luglio 1991

"Adagio Quarto"

per violoncello e organo

(per un dialogo con il violoncello di Taisuke Yamashita)

 

 

Visualizza nel Browser le singole pagine dello spartito (ca 100 KB)

 

 

 

 

 

Scarica qui l'intero spartito (files JPEG compressi ZIP, ca 1,1 MB)

 

© C.Cavadini 1991

 

Precedente Home Su